Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

PRIMO DECRETO DI ESTINZIONE

In data 23 febbraio 2009 perviene all’Imaie comunicazione di avvio del procedimento per la dichiarazione di estinzione dell'IMAIE, istruito dalla Prefettura di Roma, ai sensi dell'art. 6 del D.P.R. del 10 febbraio 2000 n. 361, che conferisce al Prefetto il compito di accertare l'esistenza di una delle cause di estinzione della persona giuridica previste dall art. 27 C.C.

In data 30 aprile 2009 viene emanato da parte del Prefetto di Roma il PRIMO DECRETO DI ESTINZIONE dell’Imaie, cui segue il ricorso al TAR del Lazio da parte dell’Imaie e degli artisti soci per richiedere la sospensiva del provvedimento.

Il 18 maggio 2009, a seguito del decreto del Prefetto di Roma del 30 aprile 2009, avente per oggetto la declaratoria di estinzione dell’IMAIE, il Presidente del Tribunale ordinario di Roma nomina quali commissari liquidatori dell’Ente l’avvocato Giovanni Galoppi - già Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti - a cui attribuisce funzioni di impulso e di coordinamento della struttura, il professore Enrico Laghi e l’avvocato Giuseppe Tepedino. Ai nominati liquidatori spettano poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione con decisioni collegiali.

Il 21 maggio 2009, con l’ordinanza n. 2296, il TAR del Lazio dà ragione agli artisti e concede la sospensiva del provvedimento di estinzione dell’Ente.

 

SECONDO DECRETO DI ESTINZIONE

Il 28 maggio 2009, in riferimento all’Ordinanza del TAR a seguito del riesame del provvedimento di estinzione dell’IMAIE del 30 aprile 2009, il Prefetto di Roma emana il SECONDO DECRETO DI ESTINZIONE dell'Ente. Contestualmente il Presidente del Tribunale ordinario di Roma conferma le precedenti nomine dei commissari liquidatori dell’Ente.

L’Imaie e gli artisti ricorrono nuovamente al TAR del Lazio con richiesta di ripristinare la sospensiva.

Il TAR del Lazio con un nuovo decreto del 03 giugno 2009 sospende, in via provvisoria, il Provvedimento di estinzione dell’IMAIE n 34043/606/2009, in attesa della pronuncia definitiva che avviene nella Camera di Consiglio del 18 giugno 2009 mediante Ordinanza n. 2769.

 

RICORSO IN APPELLO AL CONSIGLIO DI STATO

L'Avvocatura Generale dello Stato per i ministeri per i Beni e le Attività Culturali e dell'Interno presenta un ricorso in appello al Consiglio di Stato avverso l'ordinanza del TAR Lazio n. 2769/09 del 18 giugno.

Il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 3530 del 14 luglio 2009, accoglie il ricorso contro l’ordinanza di sospensione cautelare del TAR che bloccava l’estinzione dell’IMAIE. Pertanto conferma la validità del processo di estinzione affidato ai Commissari Liquidatori già nominati dal Presidente del Tribunale Ordinario di Roma.

 

Decreto di estinzione del Prefetto di Roma del 28/05/2009

Prima lettera al Ministro dell'Interno On. Angelino Alfano sulla liquidazione dell'Imaie 04/10/2013

Lettera di sollecito al Ministro dell'Interno On. Angelino Alfano sulla liquidazione dell'Imaie 02/09/2014

I miei dati