Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Il diritto connesso è il compenso economico che l’artista deve percepire quando una sua registrazione musicale e/o audiovisiva viene riutilizzata nel sistema radiofonico, televisivo, nella diffusione pubblica in locali notturni, nella vendita di DVD, nonché nei sistemi multimediali e satellitari e nella copia privata, come previsto dalla Legge sul diritto d’autore (LDA 633/1941).

Con il “decreto liberalizzazioni” del Governo Monti (Legge 24/03/2012 n. 27), l’attività di amministrazione e intermediazione dei diritti connessi, spettanti sia ai produttori sia agli artisti interpreti o esecutori, è stata liberalizzata “al fine di favorire la creazione di nuove imprese” (art. 39, commi 2 e 3, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla L. 27/2012).

Con la liberalizzazione nella gestione del diritto connesso si attiva un inizio di percorso verso il pluralismo competitivo, maggiore economicità di gestione a favore degli artisti e la libertà per questi ultimi a decidere da quali organizzazioni e in quale modo veder rappresentati e gestiti i loro interessi economici.

La “liberalizzazione” attribuisce ruolo e responsabilità, oltre che nella gestione specializzata e snella della ripartizione, anche e soprattutto nello svolgimento di “funzione propositiva”, alla luce dell’esperienza acquisita modificazione ed integrazione di norme non più efficaci o addirittura di ostacolo all’acquisizione dei diritti agli artisti.
È inaccettabile che in una materia di natura completamente privatistica si inserisca ingiustificatamente lo Stato con una azione di vigilanza.
Su questo versante nel capitolo degli interventi e proposte del nostro sito si potrà prendere atto della nostra mole di interventi e proposte.

I miei dati